Bergamo Linux Users Group
Linux Va A Scuola
Scopri

Il Progetto

Laboratori di informatica con GNU/Linux e software libero e opensource

Il progetto Linux va a scuola ha come obiettivo supportare le scuole che intendono creare o migrare i laboratori di informatica al sistema operativo GNU/Linux ed al software libero e opensource.

Questo progetto è condotto dal Bergamo Linux Users Group in collaborazione con LibreItalia.

Perché questa strana unione, Linux e la scuola? Al BgLUG, ma più in generale in tutte le community che partecipano ai vari progetti opensource, c’è la convinzione che non può esistere conoscenza senza condivisione, quindi ci è sembrato logico mettere in contatto due mondi che fanno della condivisione e della diffusione della conoscenza la filosofia portante del loro essere: l’opensource e la scuola.

Perché una scuola dovrebbe essere interessata ad aderire al progetto oltre a quanto sopra citato? Sarebbe facile dire per motivi economici, vista la situazione delle casse scolastiche e visto che molte soluzioni opensource sono gratuite, ma c’è molto di più. Alcuni dei motivi più importanti sono:

  • qualità: le soluzioni offerte sono di altissima qualità ed utilizzate in ambiti scientifici (CERN di Ginevra, NASA), aziendali (Google, Facebook) e istituzionali (Ministero Difesa Italiana, vari Ministeri francesi). A titolo di esempio un breve elenco dei programmi utilizzabili a scopo didattico:
    • editor di testi: LibreOffice Writer
    • fogli di calcolo: LibreOffice Calc
    • presentazioni: LibreOffice Impress
    • disegno artistico e fotoritocco: GIMP, Pensil, Tux Paint
    • disegno tecnico: LibreCAD, QCAD
    • diagrammi di flusso e mappe mentali: Dia, Vym
    • editor di grafica vettoriale: Inkscape
    • matematica e geometria: Geogebra
    • desktop publishing per realizzare volantini, giornalini ed altro: Scribus
    • elettronica: Fritzing
    • serie didattica per la scuola dell’infanzia: GCompris
    • astronomia: Stellarium (software utilizzato anche dal parco astronomico La Torre del Sole di Brembate Sopra (BG))
  • sicurezza: da sempre punto di forza di Linux, non richiede l’utilizzo di antivirus, troppo spesso poco aggiornati su altri sistemi operativi
  • aggiornamenti costanti: gli aggiornamenti del sistema operativo e dei programmi installati sono costanti ed automatici, evitando che le soluzioni installate diventino obsolete come spesso accade per quelle proprietarie se non si pagano gli adeguamenti di livello
  • libertà: libertà di scelta e uso tra una grande varietà di software, che permette di sperimentare e analizzare quale sia il software più adatta alle proprie esigenze
  • legalità: il software opensource è perfettamente licenziato e legale
  • recupero computer datati: con Linux è possibile riutilizzare computer non recentissimi perché richiede meno risorse hardware rispetto alle ultime versioni dei sistemi operativi proprietari. Attenzione: obsoleti non significa del Mesozoico ;-)
  • aiuto per le famiglie: gli stessi strumenti utilizzati a scuola potranno essere scaricati ed utilizzati dagli alunni a casa senza gravare sulle spese delle famiglie
  • adeguamento tecnologico: ad oggi molti laboratori delle scuole usano ancora il vecchissimo Windows XP che è stato dichiarato morto (non più aggiornato) dalla Microsoft già dall’Aprile 2014
  • rispetto della legge: l’Art. 68 della Direttiva Stanca (Analisi comparativa delle soluzioni) prevede che le Pubbliche Amministrazioni, nella scelta dei programmi informatici, debbano seguire una precisa sequenza in cui il software libero è prioritario rispetto a quello proprietario.

Il progetto è stato dettagliato in due parti principali, una formativa e una tecnica.

Parte Formativa

Per un progetto di migrazione al software libero/opensource come questo, è importante realizzare che la migrazione comporta un cambiamento delle attività formative legate all’informatica, a cui si aggiunge la comune assenza di esperienza su sistemi operativi liberi. Per i docenti e per gli alunni, equivale a trovarsi di fronte un laboratorio che nessuno saprebbe utilizzare.

Per questo il BgLUG ha previsto, già dalle prime fasi di attuazione del suo progetto, una parte importante di formazione, che viene svolta con il personale scolastico che si occupa della didattica (docenti) e con chi si incaricherà di mantenere operativo il laboratorio.

In particolare, sono stati previsti i seguenti corsi:

  • Corso base, di durata di circa 16 ore e curato dal BgLUG, che ha come destinatari tutti i docenti che utilizzeranno il laboratorio e ha l’obiettivo di spiegare come utilizzare un sistema operativo libero e come utilizzare le peculiarità della nostra implementazione per poter lavorare meglio.
  • Corso di office automation, di durata di circa 20 ore e curato da LibreItalia, che ha come destinatari tutti i docenti e come obiettivo l’uso corretto e consapevole della suite di produttività d’ufficio LibreOffice.
  • Corso specifico di durata di circa 2 ore per ciascun programma e curato dal BgLUG, che ha come destinatari i docenti che faranno richiesta di approfondire l’utilizzo di un programma specifico. Il BgLUG si impegnerà pertanto a studiare ed analizzare il programma richiesto, così da poter essere di supporto alla didattica.
  • Corso tecnico, della durata di circa 10 ore e curato dal BgLUG, i cui destinatari saranno i responsabili del laboratorio, in cui si formeranno tali persone per gestire correttamente la manutenzione del laboratorio e la risoluzione dei principali problemi che potrebbero riscontrarsi.

Resta inteso che il BgLUG ritiene di primaria importanza la parte formativa del progetto: all’interno dello stesso BgLUG erano già stati proposti interventi di migrazione che però non sono stati mediati e finalizzati con una parte formativa e il loro risultato, per questi motivi, non è stato sempre positivo.

Formazione

Parte Tecnica

L’implementazione tecnica del progetto include le seguenti fasi:

  • Sopralluogo per verifica delle caratteristiche hardware delle macchine in laboratorio. Verifica delle condizioni di network per il laboratorio;
  • Determinazione dello scenario di installazione migliore per l’infrastruttura del laboratorio a disposizione;
  • Conclusione dei lavori pendenti di adeguamento della struttura del laboratorio secondo i requisiti del singolo scenario;
  • Installazione e configurazione del server, necessario per le attività di laboratorio e sulla base dello scenario determinato al punto precedente;
  • Installazione e configurazione dei client, dove possibile in maniera semi-automatica;
  • Verifica degli obiettivi tecnici del progetto.

L’installazione e la configurazione del server, dei client e della rete del laboratorio viene portata a termine solitamente prima dell’inizio della parte formativa, per poter aver a disposizione il laboratorio nella sua forma definitiva già in fase di formazione.

Il progetto prevede due possibilità di installazione, che noi chiamiamo scenari (installazione client/server o installazione basata su Terminal Server); hanno tuttavia obiettivi tecnici comuni:

  • Autenticazione centralizzata Ricalcando quanto succede in ambienti enterprise, dove gli accessi alle risorse disponibili a tutti all’interno di una infrastruttura sono gestiti da un singolo punto, alla stessa maniera la nostra soluzione prevede la possibilità di gestire da un unico punto la creazione di una utenza del laboratorio, la sua modifica e il cambio della password da parte dell’amministratore, oltre alla concessione di permessi sull’intera infrastruttura o su parte di essa;

  • Condivisione dei file La condivisione è parte integrante del nostro progetto e una caratteristica fondamentale nel contesto della classe. La nostra soluzione permette la condivisione dei file utilizzando protocolli ispirati a quelli in uso nelle aziende e compatibili con altri sistemi operativi proprietari, proprio per permettere maggiormente la condivisione dei file;

  • Filtraggio web efficace È importante consapevolizzare gli studenti sulla natura non sempre positiva e istruttiva dei siti disponibili sul web. Riteniamo fondamentale mettere a disposizione un ambiente sicuro e fidato per la didattica in laboratorio, attivando sistemi di filtraggio del traffico web che tengano in debito conto le indicazioni di legge e delle necessità specifiche della singola classe. La nostra soluzione prevede infatti alcuni filtri web che sono personalizzabili con pochi clic dall’amministratore della rete;

  • Ottimizzazione della banda della connettività Considerando che spesso la connettività a disposizione delle scuole risulta essere insufficiente alle esigenze di navigazione dei suoi studenti, la nostra soluzione implementa un sistema di ottimizzazione del consumo di banda in uscita;

  • Backup efficiente dei dati del laboratorio Sappiamo tutti quanto siano importanti le copie di salvataggio dei propri file e di quanto questa pratica possa essere fondamentale per conservare i propri dati. La nostra soluzione implementa sistemi di backup efficiente e di semplice utilizzo per l’amministratore, in modo da aiutarlo nell’importante compito di gestione del laboratorio.

La soluzione, pur essendo ad elevato contenuto tecnologico, è stata studiata in modo che il laboratorio possa essere gestito anche da persone senza particolari competenze tecniche.

Aderire

Per le scuole

Qualunque scuola voglia aderire, può scriverci una mail all’indirizzo info(at)bglug.it, oppure venire a trovarci qualunque mercoledì sera (dopo le ore 21:00) presso lo Spazio Polaresco di Bergamo.

Cosa serve? Tanta buona volontà, al resto ci pensiamo quando ci si incontra.


Per gli appassionati

Sei un genitore, un insegnante, un appassionato di Linux o comunque un cittadino volenteroso e vuoi darci una mano? Vieni a trovarci il mercoledì e parliamone ;-) …lo spirito del progetto è anche questo!!!

Chi siamo

Il team del BgLUG

L'associazione senza scopo di lucro Bergamo Linux Users Group (BgLUG) è il gruppi di utenti Linux (LUG) di Bergamo. Attraverso incontri, corsi ed eventi ha lo scopo di diffondere e far apprezzare il sistema operativo GNU/Linux e il software libero in generale.